ELENCO :: NEWS
martedì, 15 aprile 2014
NON SIA OSTACOLATO IL DURC ON LINE! FARE IL POSSIBILE PER LA SMATERIALIZZAZIONE DEL DOCUMENTO
Nessuna Organizzazione rappresentativa di imprese e lavoratori ostacoli una scelta di modernizzazione che va a perseguire interessi collettivi e vantaggi degli operatori economici e, conseguentemente, delle opportunità per il mondo del lavoro!
E’ il monito dell’ACEM (Associazione Costruttori Edili del Molise) alle perplessità sollevate da taluni sulle semplificazioni in materia di documento di regolarità contributiva (DURC)), previste dal decreto legge sul Lavoro che all’articolo 4 sancisce la sostituzione materiale del certificato – che oggi viene rilasciato entro 30 giorni -  con la consultazione esclusivamente telematica e in tempo reale, anche se per  rendere operativa la “smaterializzazione” del Durc stesso occorre un provvedimento attuativo da parte del Ministero del Lavoro.
Alcune reazioni sulla smaterializzazione del Durc circolate in questi giorni,  dietro la strumentalizzazione di presunti problemi tecnico-applicativi, nascondono la resistenza al cambiamento, al superamento di procedure e sistemi che nulla hanno a che vedere con gli interessi delle imprese e dei lavoratori e con la funzionalità del sistema economico”, è il monito del Presidente dell’ACEM Corrado Di Niro il quale aggiunge “se ci sono problemi tecnici per informatizzare il Durc e  per far dialogare i sistemi informativi degli enti interessati (Inps, Inail e casse edili o Edilcasse) si tratta di problemi assolutamente gestibili e superabili nel 2014 se si farà il possibile per risolverli ”.
Secondo l’ACEM, la sburocratizzazione comporterà, a regime, vantaggi economici non indifferenti, sostanziale semplificazione e velocizzazione delle procedure con enormi vantaggi per le imprese e non va assolutamente ostacolata.
Basti considerare che oggi per attendere i tempi di emanazione del DURC previsti dalla legge ci sono imprese che non riescono a riscuotere, con il rischio che quando il DURC sarà rilasciato, l’Ente appaltante potrebbe trovarsi bloccato dal patto di stabilità ed impossibilitato a  pagare: paradossi evitabili con una consultazione on line del documento ovvero in tempo reale.
 
Campobasso, 15 aprile 2014
Prot. n. 119                                                                                                                                                                         
ACEM